giulia arrigoni copertina la verità su angela di alessia servidei

Ho iniziato questo libro come faccio spesso. Semplicemente mi lascio guidare dal mio istinto che mentre osserva la libreria dice: “Quello! Leggi quello!”. 

Allora ho preso in mano “La verità su Angela” di Alessia Servidei – libro che ho ricevuto proprio dall’autrice – e così dopo un po’ di indecisione, l’ho aperto.
Questo romanzo è un thriller psicologico che trascina al suo interno il lettore privandolo del sonno.
Mentre le prime pagine volavano via come il vento, avevo l’impressione di leggere un thriller come un altro.
Come mi sbagliavo…

Arrivata a pagina 20 ho deciso di fermarmi e di ripartire dall’inizio. Questa volta mi sono soffermata sulla pagina iniziale, ed ecco una nota che riporta: “Questo libro è un’opera ispirata a fatti realmente accaduti”.
Mi si è gelato il sangue nelle vene, così ho scritto all’autrice e ho scoperto la sua forza interiore. Dopo aver parlato con Alessia ho riaperto il libro e mi sono immersa di nuovo tra le sue pagine.

IL LIBRO

La protagonista è Angela, una giovane donna che conduce una vita tranquilla: un lavoro come psicologa rispettato da tutti, una famiglia che la ama, un marito affettuoso e due figlie dolcissime, Sara e Rebecca.
Angela però, che si occupa di aiutare chi ha subito traumi profondi, ogni notte ormai è tormentata da incubi che le impediscono di dormire tranquillamente. 

Angosciata da un caso che sta seguendo, Angela sente il dolore della sua paziente riflettersi su di lei. Questo scatena incubi sempre peggiori, che pian piano renderanno le sue giornate inquiete e cupe, soprattutto quando scoprirà che una bambina, Alice, è stata rapita. Da quel momento le loro vite si intrecciano in un susseguirsi di pagine che sembrano volar via, mentre l’ansia cresce nel lettore, costringendolo a scavare anche dentro se stesso.

Il passato non ci abbandona mai, possiamo nasconderci, ignorarlo, ma prima o poi lui tornerà a farci visita…
La vita di Angela viene stravolta mentre una mattina, in casa, si prepara per andare a lavoro. 
Un incontro inaspettato dalle profondità del suo passato le farà riaffiorare vecchi ricordi, gli incubi prenderanno il sopravvento delle sue giornate, ma dove la condurranno?

Vi consiglio davvero di leggerlo con lo spirito giusto. Non è un libro semplice e leggero, è un libro che parla di fatti reali e come tali vanno affrontati.

L’autrice ci avverte ad un certo punto di saltare una parte se non ce la sentiamo di leggere tali atrocità.
Ammetto di aver interrotto spesso la lettura durante le ore notturne per paura di non dormire. Ho avuto bisogno di tempo per parlarvene e sicuramente non gli ho reso la giustizia che meritava, ma non so esprimervi quanto io lo abbia sentito dentro, nel profondo.
Vorrei ringraziare Alessia per avermi inviato il suo libro. La sua scrittura, nella sua semplicità, è davvero fluida e di grande impatto sul lettore. Ha saputo trasmettermi il dolore e l’angoscia di Angela senza usare mezzi termini, rendendo la lettura adatta a chiunque.

Sarà un libro difficile da dimenticare, per il coraggio che Alessia ha dimostrato nel voler raccontare ciò che si trova tra le pagine.
Concludo dicendo che per me è uno dei libri più belli che abbia letto durante questo 2020.

L’AUTRICE

Alessia Servidei, classe 1989, da sempre sente nel cuore una forza che la spinge verso la lettura e, quindi, verso quei libri che diventeranno il suo più grande rifugio. Man mano che le parole scorrono davanti ai suoi occhi intraprende diverse esperienze: alcune volute, altre cucite a forza addosso. Esperienze a cui lei non riesce a sottrarsi, anche violenze talvolta, che la porteranno ad essere la donna forte e determinata che è oggi. 
“La verità su Angela” è il suo primo romanzo, scritto quando, nel suo percorso di crescita, scopre che la scrittura è quella compagna fidata di cui aveva bisogno per potersi esprimere, raccontare, rendere vivo – per lei e gli altri – ciò che è stato e ora affonda nel passato.


Fonti: romanzo “La verità su Angela” di Alessia Servidei

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here